L’analisi transazionale del processo creativo


Vi propongo un articolo, tradotto dall’inglese, che mi è sembrato molto interessante sia per gli addetti ai lavori (psicoterapeuti, insegnanti), sia per qualsiasi persona interessata alla creatività. E’ un argomento che mi appassiona e a cui ho dedicato anche una delle tesi di laurea. L’articolo è stato pubblicato da Donna Glee Williams dell’Università Western Carolina … Continua a leggere L’analisi transazionale del processo creativo

A cosa servono le emozioni?


Avete mai pensato che le emozioni possono avere una loro funzione ben precisa? Io per tanto tempo ho ignorato questo aspetto, per semplice mancanza di informazione. Sono stata educata, come gran parte della mia generazione, in modo informale più che strutturato, che le emozioni sono positive e negative. In effetti, alcune emozioni sono socialmente mal viste, come la rabbia, altre sono indesiderabili, come la tristezza. Eppure nessuno, fino all’università di psicologia, mi ha mai parlato o spiegato per bene cosa fossero le emozioni, per non parlare di cosa farne. L’unica cosa da fare era al massimo inibire qualcuna o nasconderla. Studiando l’analisi transazionale ho scoperto poi che in ogni famiglia ci sono alcune emozioni che non sono gradite e che i bambini imparano, per compiacere ai genitori, a sostituirle con altre che invece sono permesse. Si creano così le cosiddette emozioni parassite, termine che rende bene la loro posizione: emozioni che si nutrono dell’energia di altre. Per esempio, se nella mia famiglia non è gradita la rabbia ma è permessa la tristezza, imparerò con il tempo che quando sono arrabbiata posso esprimerla mostrando tristezza, altrimenti sarò rimproverata o magari ignorata. Così facendo, quando cambio ambiente, nessuno mi capirà quando sono arrabbiata, forse neanche me stessa, perché oramai questo cambio registro non è nella mia consapevolezza: diventa per me, da quando ho iniziato a farlo e fino adesso, una cosa naturale e automatica, piuttosto confusa, scambiare la rabbia per la tristezza. Continua a leggere “A cosa servono le emozioni?”

Un messaggio… saggio


C’era una volta un re che disse ai saggi di corte:

“Sto facendo un anello prezioso. Ho comprato uno dei diamanti più belli al mondo. Voglio nascondere nell’anello un messaggio che può servire nei momenti di disperazione e sarà per i miei eredi per sempre. Deve essere una frase breve, che possa entrare sotto il diamante dell’anello. Continua a leggere “Un messaggio… saggio”

Come affrontare il post-matrimonio e il baby blues


Le idee preconcette su come dovrebbe essere la vita dopo il matrimonio possono lasciare molte donne deluse e persino depresse. Ciò è dovuto alle idee romantiche promosse durante l’infanzia altrimenti note come il “complesso fiabesco”.

Di Dr Demartini – esperto di comportamento umano, autore, insegnante e fondatore dell’Istituto Demartini

Ecco alcuni suggerimenti su come godersi la “realtà” piuttosto che aspettare la “favola”:

1. Onora il significato di essere una moglie e una madre

Continua a leggere “Come affrontare il post-matrimonio e il baby blues”

“Diventare se stessi” – un libro autobiografico dello psicoterapeuta Irvin Yalom


Di Yalom avevo sentito parlare solo qualche anno fa, da una collega che riportava dei brani, e mi ha subito incuriosita. Ai tempi lessi “La cura Schopenhauer“, tutta d’un fiato, per non dire che in libreria sfogliai vari suoi libri che ho messo in lista di lettura, come per esempio “Il senso della vita” oppure “Guarire d’amore“.

Diventare se stessi” è un libro autobiografico dello psicoterapeuta e psichiatra Irvin Yalom. Per me come psicoterapeuta ma anche come persona, così come – penso – anche per i lettori non di professione – è interessante seguire Yalom nel suo lato umano, nelle sue esperienze, dall’ideazione alla realizzazione delle idee, rimanendo testimoni sia delle sue vulnerabilità che dei suoi pregi. Continua a leggere ““Diventare se stessi” – un libro autobiografico dello psicoterapeuta Irvin Yalom”

I cinque linguaggi dell’amore


Molte coppie sposate si disgregano e molte relazioni finiscono in incomprensioni quando i partner capiscono che l’altro non lo capisce, lo riconosce o risponde alle sue aspettative. Spesso è la mancanza di comprensione della lingua in cui parla il nostro partner, in quei casi in cui i sentimenti esistono ma non sono espressi all’altro nel modo appropriato.

Siamo così diversi e la scoperta della nostra diversità, lo stadio tipico di una relazione sentimentale, è un test importante per la sopravvivenza della coppia. Ognuno di noi ha imparato dall’infanzia, dalla famiglia o da altri modelli come dimostrare l’amore: ad esempio, se la ami, devi fare qualcosa per lei. Nel caso di qualcun altro, può essere una dimostrazione di amore solo l’espressione delle emozioni in parole. Ciò che l’amore è per uno non corrisponde al concetto di amore per l’altro. Ecco perché è così importante conoscere la nostra lingua e quella del nostro partner, in modo che possiamo ricevere o dare amore in un linguaggio avvincente.

Nel suo libro, I cinque linguaggi dell’amore, Gary Chapman trova 5 linguaggi principali dell’amore, che hanno, come ogni lingua, i loro dialetti. Continua a leggere “I cinque linguaggi dell’amore”